Lavinia incoronata

Pallida vergine, sul mio eneico amore l’ira suicida del regale ed Amatissimo ventre. Tirrenica è purezza, Latina delfina. Quanto rossore in tali gote, s’una figlia col destino più grave della placida vita. Missione fatale da chinare le querce, scenario smisurato da scalzare i canneti. Oh verità lacrimante, ogni memoria ciba fantasia ogni seria altezza un […]

Fotocrazia

[Agonizzanti e desolate stelle, che bagliori gemendo mi esigete solo al mondo] Dal buio grembo che l’universo oscuro include, discendiamo per doglie (di taglio sorto) a l’unica grazia possibile. Severissimo bocciolo sigillato a corolla, su aromi archi, esplode (affiorati dal calice) tinto. Dello scrigno mantello, che la mostruosità dischiude, tessuti colori in volo alla bellezza, […]

G.CAECILIA STTL

“Respira, ti prego ancora un altro respiro, ti prego respira. Non mi lasciare qua da solo, non diventare fredda, non essere così silenziosa. Ti prego ancora un respiro, un movimento una smorfia, ancora un respiro.” Un fiore mancato su questo prato immaginario. Mai credeva di tramutarsi in cometa: non sognava che slegare i pezzati leocorni. […]

Dissolvenza

Sento freddo. Ti stai già dissolvendo. Concediti ancora a me, come l’aria si concede al respiro. Sento freddo, non ci sei più, come l’onda che abbandona per sempre la spiaggia appena accarezzata. Dimmi, cosa provi? Dimmi, cosa scorgi? Oltre il profilo di nuvole basse, l’orizzonte oscuro. Sento freddo, le tue mani si stanno allontanando dalle […]

Didone detronizzata

Non mi restano che questi occhi, profanati come reliquie saccheggiati come anfore. Dentro infierisce un acquazzone ed annega programmato l’abbandono. [Nave nera, prua azzurra, vele d’arancio] La tirannide delle passioni che dissolve la morte nel vento, con una bufera di ginestre. Ode l’orizzonte i singhiozzi bruciarmi la gola? Odono le stelle il pudore dei sandali […]

Cattleya

Sudario di mammelle impresse su pellicola, stampe bigotte e televisivo il patibolo. Sporca di buio hai mutato in orchidea rovente il fango inghiottito, sia pia che clandestina. Quasi moglie mai indossatrice, quasi monaca mai attrice, imbellettarti cadavere è mascherare l’avarizia con cartapesta, è seminare giubilo nell’insensatezza. Di questi versi tardivi (glifi degli impostori) hai occupato […]

L’incontenibile

Noi, scomposti in e io e te diade impazzita di ciò che fu sintesi predestinata. E io e l’onda e tu la roccia. Mi schianto liquida e potente a sfidare la tua rigidità materica. Incontro e scontro. Mi scomponi in schizzi festosi quando generosa ristoro con spuma bianca le tue asperità luccicanti. Mi trasformo in […]

Accorso

Così. Ti idealizzo nei sogni che mi frequentano. Così. Ti custodisco nel mio cuore, nel tuo cuore o in quello del tempo. Assente, avvinghiata. Ti amerei di più se fossi salatissimo mare. Saperti tua mi strugge e conforta. Osservarti tua mi regala gioie come un castigo. Ascoltarti tua m’insegna quanta libertà nasconda invece l’amore.

Dragonfly

Non vagheggio che la laguna ove ti supplico accorato. Desolata d’ombre, dei troppi sassi sbronza. Pensarti era amarti, accudirti rumoroso sciame. La memoria in un pugnetto di coriandoli. D’ogni sogno ramazzato m’eroina il televisore: arte degenerata delle mie lamentazioni. Esiste un altro tempo per voi, imperterriti magari depravati. Albe disorganizzate, loquaci brezze eppure la sera! […]

Ode a una baccante

Siamo stati voraci sorseggiandoci, dentro coppe di carne. Follemente danzeremo in altri soli ebbri come Dioniso e Afrodite. Anche a maschere invertite, falò immaginari odoriamo sulla riva d’un teatro marino. E maga e ninfa e musa. Scalza regina dalle ciocche di rame, grappoli di fragole della pelle a scolpirne la seta. Che Te, libera, rende […]